Negli spazi del Museo della Città a Rimini, esposizione del cenacolo ritrovato di Fioravanti.

Dal 18 aprile al 16 giugno 2019 il grande affresco su tela recentemente ritrovato e che rappresenta l’ultima cena sarà esposto negli spazi del museo della Città a Rimini. Si tratta di un opera di grandi dimensioni (quattro metri per due) che Ilario Fioravanti realizzò per la cappella interna al complesso della Congregazione Sorelle dell’Immacolata di Miramare di Rimini. L’occasione venne data all’architetto mentre portava a termine la costruzione del grande edificio, con chiesa annessa, della Congregazione. Come ricorda Luca Fioravanti, nipote del maestro e scopritore della grande opera che da tempo era caduta nell’oblio, poiché l’artista aveva bisogno di ritrarre soggetti dal vero, nell’affresco i vari personaggi hanno i volti dei muratori che lavoravano alla costruzione dell’edificio. Al centro abbiamo Pietro, che mostra la mano con l’anello del pescatore, mentre l’apostolo alla sua destra ha il volto del fondatore della congregazione Don Masi. Accanto all’opera sono esposte una piccola crocifissione e un autoritrattoprestato dalla moglie di Fioravanti, Adele Briani, datato anch’esso 1970. Tutte e tre le opere sono ad affresco, ambito che Fioravanti ha molto praticato lasciando alcune decine di opere. Dopo la grande retrospettiva del 2015 sulla scultura e il disegno di Fioravanti, proposta a Rimini e suddivisa fra Castel Sismondo e Museo della Città, questa nuova mostra rappresenta un  tentativo di approfondire un aspetto dell’opera di Fioravanti ancora poco indagato. Il catalogo della mostra è curato dallo storico dell’arte Maurizio Ceccetti.

Scritto da stefano.scarpellini il 14 Lug 2019 in Eventi, Eventi-eventi, News

indietro