Il Liceo Monti e Ilario: quest’anno le incisioni.

Dopo l’esperienza dello scorso anno con la catalogazione di un numero importante di sanguigne anche per il presente anno scolastico si è rinnovata la collaborazione fra Ilario Fioravanti e gli studenti del Liceo Monti di Cesena. Una classe terza del Liceo classico ha infatti effettuato un percorso di alternanza scuola lavoro catalogando opere del maestro, in particolare incisioni, ma anche sanguigne e seppie. Presso lo studio di via Uberti a Cesena, sotto la guida attenta di Adele Briani e la supervisione delle docenti Maria Teresa Forlani, Daniela Romanelli e Francesca Renzi gli studenti della classe terza b del Liceo Classico hanno esaminato, fotografato, catalogato su registro cartaceo e digitale incisioni soprattutto, ma anche sanguigne e seppie. I risultati del lavoro complessivo saranno successivamente oggetto di inserimento in una sezione dedicata del sito di Ilario in maniera da offrire a chiunque interessato, la consultazione di un catalogo digitale delle opere. Una ulteriore parte importante del progetto prevede l’organizzazione di una mostra di opere che si terrà entro il termine dell’anno scolastico 2017/18 e vedrà protagonisti gli studenti.

Nell’ambito dell’attività, durante la mattinata del 6 febbraio, Adele, gli insegnanti e gli studenti hanno ricevuto la visita del sindaco di Cesena Paolo Lucchi e dell’assessore alla cultura Christian Castorri. Durante la visita i due ospiti sono stati informati circa lo sviluppo del progetto e hanno condiviso la volontà relativa alla realizzazione della mostra assicurando il partenariato dell’amministrazione comunale. Adele Brini ha approfittato dell’occasione per donare, attraverso le autorità presenti, alla cittadinanza cesenate alcune incisioni raffiguranti scorci della città di Cesena e un nudo femminile. Il sindaco Paolo Lucchi, riferendosi all’attività di alternanza scuola lavoro, ha valutato come per gli studenti dei Licei non sia facile l’attivazione di progettualità interessanti e coinvolgenti e si è complimentato per il fatto che la presente progettualità costituisca l’occasione per una prestigiosa esperienza capace di arricchire il bagaglio formativo, culturale ma anche professionale degli allievi coinvolti. A margine dell’attività mercoledì 21 febbraio gli studenti della classe terza, insieme agli insegnanti Maria Teresa Forlani, Daniela Romanelli e Francesca Renzi si sono recati a Sorrivoli per visitare la casa studio di Ilario, la casa dell’Upupa. Adele Briani ha accolto i suoi ospiti e li ha guidati in un magico itinerario di scoperta del luogo e dei significati dell’arte del maestro. Prima interessati, poi giustamente affascinati, i ragazzi hanno potuto vivere  le intense sensazioni che gli ambienti di casa dell’Upupa sono capaci di trasmettere.

Scritto da stefano.scarpellini il 27 Feb 2018 in Eventi, Eventi-eventi, News

indietro